gennaio
marzo
2001

anno VIII°
n° 1

 

bollettino informativo
del gruppo lavoratori anziani d'azienda AGUSTA-MV


s o m m a r i o

LA REDAZIONE

 

I NOSTRI CAMPIONI DA NON DIMENTICARE
di Enrico Sironi

I soci della prima ora del G.L.A. AGUSTA-MV (1974) ricorderanno l’esistenza in azienda del Moto Club MV- Vincenzo Nencioni.
Voluto dal Sig. Domenico, si era costituito nel 1951, affiliato alla Federazione Motociclistica Italiana nella categoria dei Moto Club Aziendali.
Gli iscritti erano nella stragrande maggioranza dipendenti della MV Agusta e Costruzioni Aeronautiche G. Agusta.
Il Moto Club rimase attivo sino al 1992 grazie ad un manipolo di incalliti amanti dello sport motociclistico, anche se dal 1976 la gloriosa MV aveva smesso di fare passerella sui circuiti mondiali.
La fine del Club venne accelerata anche dalle massicce dimissioni aziendali degli anni 80, che avevano smembrato il gruppo dei soci rendendo così difficoltoso il proseguimento della gestione organizzativa.
Chi era VINCENZO NENCIONI per dedicargli un sodalizio aziendale?
In società con Egidio Conficoni, gestiva la rappresentanza della MV-AGUSTA in qualità di Agenzia Generale per l’Italia (escluso l’Emilia e le Tre Venezie), come recita un dépliant del 1946. Il negozio aveva sede a Milano al civico N° 6 di Via Sala.

In gioventù NENCIONI era stato un ottimo pilota di gare di regolarità, aggiudicandosi diverse prove e non disdegnando di cimentarsi anche in qualche prova di velocità.
Benché non più giovane, forte era l’ardore e l’entusiasmo che lo portò a ritornare alle gare per promuovere il nome della neonata MV-AGUSTA, mettendo a disposizione la sua esperienza di tecnico e di pilota.
Il 6 ottobre del 1946 vince la gara di regolarità di La Spezia, conseguendo la prima vittoria per la MV.
Il 13 ottobre dello stesso anno si classifica al 3° posto nella gara di velocità di Valenza PO, gara vinta da Mario Cornalea su MV 98cc.
Purtroppo, alla ripresa agonistica, il 19 aprile 1947, nel corso della gara di regolarità Milano – San Remo, sulle impervie strade dell’Aurelia, un tragico scontro mette fine al sogno di riportare alla vittoria la sua MV 98cc.
Il suo nome lo troviamo inciso sulla targa commemorativa che abbiamo posto il maggio scorso nella chiesetta di Cascina Costa, accanto ad altri campioni; uomini caduti non invano e nella cui memoria riprese il cammino verso altri traguardi.
Crediamo che la famiglia Agusta dovesse particolare riconoscenza ai suoi primi rappresentanti, se a Vincenzo Nencioni e a Egidio Conficoni vennero dedicati rispettivamente il Moto Club Aziendale e il Moto Club gestore del Campo di Motocross al Ciglione della Malpensa.